Huawei regina di redditività per Android

Il mercato degli smartphone è sicuramente uno dei più profittevoli in assoluto, con un utile stimato nel 2016 che supera i 13 miliardi di euro. In un settore come questo, poche aziende riescono a fare la differenza e a diventare dei punti di riferimento: chi ci riesce, tuttavia, può essere certo di arrivare ad un fatturato spaziale. Uno degli indici più utilizzati dagli economisti per la valutazione delle aziende è il ROI (Return on Investment), che misura la percentuale di utili in relazione alla quantità di denaro investito per la loro realizzazione. Nella classifica delle aziende del settore per ROI, la regina rimane Apple, che ha dimostrato di saper vendere i suoi prodotti con un mark-up molto alto anche in tempi poco favorevoli; al secondo posto, tuttavia, è appena avvenuto uno scambio importante.

HUAWEI INCALZA SAMSUNG

Dopo anni di espansione, Huawei ha superato Samsung per redditività diventando la seconda azienda leader del mercato per quanto riguarda questo indice. I prodotti della compagnia cinese, originariamente poco apprezzati dal mercato italiano che li vedeva come dei surrogati di brand più famosi, hanno conquistato una larga fetta degli utenti dimostrandosi affidabili ed avanguardistici. Sia il Mate 8 che il P9 hanno fatto registrare numeri interessanti, e la notizia che il Mate 9 verrà disegnato da Porsche Design fa sì che anche sotto l’aspetto estetico il colosso Huawei si stia muovendo verso la direzione giusta per farsi apprezzare dagli utenti. Il sorpasso rende l’azienda cinese la più redditizia ad utilizzare il sistema operativo Android, che invece rimane saldamente il leader per vendite a prescindere dai brand che lo montano.

UN MOMENTO PASSEGGERO

Sembra comunque che la festa in casa Huawei non sia destinata a durare per molto. A spiegare il motivo per cui Samsung è scesa al secondo posto nella classifica del ROI sono sufficienti due parole: Note 7. Gli investimenti per il phablet sudcoreano sono stati ovviamente molto elevati, non solo per la costruzione ma anche per una progettazione curata nei dettagli; questa non è bastata a far sì che la batteria ultrasottile si rivelasse funzionale, e dopo le disgraziate notizie su malfunzionamenti ed esplosioni l’unica soluzione possibile è stata il ritiro dal mercato. Due milioni e mezzo di dispositivi sono stati rimborsati integralmente ai loro possessori, creando una triplice disavventura economica per Samsung: spese di investimento perdute, impiego di un’enorme forza lavoro per il ritiro dal mercato e sostenimento di ulteriori costi per lo smaltimento di quelli che, ormai, si possono chiamare rifiuti. È previsto da tutti gli analisti che comunque il 2017 sia già l’anno indicato per l’inversione di questo sorpasso, il che dà conforto agli appassionati e soprattutto agli azionisti di Samsung.

ROTTA VERSO IL GALAXY S8

Adesso i riflettori sono tutti puntati verso il Galaxy S8, un dispositivo che oltre gli utenti deve riuscire a convincere anche gli investitori. La reputazione di Samsung è stata sicuramente lesionata dal Note 7, e probabilmente è stato più grave il danno d’immagine che l’effettivo rimborso dei suoi sventurati acquirenti. Dal prossimo smartphone top di gamma del colosso sudcoreano dipenderà molto probabilmente il futuro del brand in questo settore, mentre Huwaei continuerà a battersi per diventare ancora più rilevante sul mercato europeo. Per ora si sta parlando solo di indici che interessano agli analisti e alla corporate governance di Samsung, ma in un futuro questa stessa tendenza potrebbe verificarsi nei dati di vendita: sicuramente non sarà facile, ma chi ricorda il tramonto di Blackberry sa che nell’era degli smartphone la gloria del mondo transita molto rapidamente.




Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. più info

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi