Komu K50 , recensione

Komu K50 Recensione e specifiche tecniche

komu k 50

Uscito sul mercato nel giugno 2015, il Komu K50 è un dispositivo mobile di fascia media prodotto interamente in Italia dall’omonima azienda con sede a Firenze. Ecco le caratteristiche tecniche di un modello ideale per chi non è alla ricerca di prestazioni elevate, ma comunque necessita di un device dual SIM.

Komu K50 Design

La recensione del Komu K50 parte come di consueto dal design.Il  Komu K50 non appare molto differente rispetto al cinese Zopo 530, con una vaga somiglianza all’iPhone 6. La scocca è fatta in alluminio e può essere di due differenti colorazioni, la bianca e la nera. Il materiale rende il device resistente ad ogni genere di urto e graffio, nonostante lo stesso risulti sottile e leggero a sufficienza. Il prodotto è alto 145 millimetri, largo 71,2 e dallo spessore di 8,8. Il peso complessivo è di circa 150 grammi. Sul lato sinistro si trovano i tasti di accensione e di standby, mentre a destra è situato il pulsante che serve per regolare il volume. La cover appare  liscia al tatto, ma questo elemento non pregiudica la possibilità di utilizzare Komu K50 anche con una sola mano. Nella parte superiore, ecco l’uscita per le cuffie da 3,5 millimetri e il connettore microUSB per la ricarica.

Komu K50 Hardware

Adesso, vediamo quali sono le specifiche hardware di Komu K50. Il primo aspetto che salta all’occhio è senza ombra di dubbio un’esperienza piacevole e fluida, con un audio di buona qualità e un display dai colori regolati in maniera consona. Il modello dispone di un display IPS da 5 pollici, con risoluzione HD da 1280 x 720 pixel e la tecnologia OGS che riesce a rendere le immagini maggiormente realistiche. Per quanto riguarda il processore, lo smartphone Komu K50 è dotato di un MediaTek MT6732 da quattro core, con clock da 1,5 GHz a 64 bit. Monta una scheda grafica Mali T760. A tutto questo, bisogna aggiungere una memoria RAM di 2 GB e lo storage interno da 16 GB, dei quali 12 possono essere gestiti in piena autonomia dall’utente. La memoria interna è espandibile fino a 64 GB con l’ausilio di una scheda microSD. Il dispositivo mobile dual SIM è anche predisposto per le connettività LTE fino a 150 mbps, Wi-Fi, Bluetooth 4.0, GPS e Glonass.

Komu K50 il comparto fotografico

Il comparto fotografico è un altro dei punti di forza di Komu K50. Il modello dispone di un sensore posteriore targato Sony da ben 13 megapixel, molto valido per un dual SIM non appartenente al segmento dei top di gamma. I colori vengono resi molto bene e l’autofocus funziona con rapidità. Numerose sono le funzionalità consentite, come ad esempio la regolazione del bilanciamento del bianco, dell’esposizione e della bellezza del viso, nonché della luminosità. Con una particolare opzione, è possibile scattare fino a 40 fotogrammi in successione. I video sono realizzabili con una risoluzione Full HD di livello discreto. La fotocamera frontale è da 5 megapixel ed è capace di scattare selfie di buona qualità, ma senza eccellere più di tanto.

Komu K50 funziona grazie al sistema operativo Android 5.1 Lollipop. L’intefaccia utente non appare molto diversa rispetto ai Nexus di Google e questo appare come un punto a favore del dispositivo fabbricato a Firenze. Il sistema è molto fluido, con toggle estremamente veloci e le impostazioni di Android molto semplici da consultare e modificare. I rischi di improvvisi rallentamenti sono ridotti al minimo e il device funziona con armonia. Per quanto riguarda il browser di base, Komu K50 utilizza Chrome di Google, ideale anche per siti piuttosto difficili da consultare in altre condizioni.

Il dispositivo mobile riesce ad esprimersi egregiamente anche nei momenti di gaming, tuttavia bisogna prestare attenzione al surriscaldamento che può verificarsi all’altezza della fotocamera. In pratica, si può giocare ma con parsimonia. Il prodotto contiene una batteria removibile da 2400 mAh. Con una SIM, Kom K50 arriva tranquillamente fino alla serata e dimostra una buona autonoma. Se si attiva la dual SIM, il cellulare potrebbe spegnersi un po’ prima rispetto al lecito. Se si ha intenzione di far durare lo smartphone per un arco di tempo maggiore, bisogna acquistare un power bank.

Komu K50 prezzo e considerazioni finali

Il Komu K50 ha un prezzo che oscilla tra i 210 e 215 euro. Un prezzo ragionevole per un modello adatto per un pubblico che non necessita di funzioni fin troppo complicate. Nel complesso, il dispositivo è molto gradevole sotto l’aspetto esteriore. Inoltre, il suo utilizzo lascia una sensazione molto positiva. I veri punti di forza sono la fotocamera posteriore, la resistenza e il peso limitato.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. più info

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi